Superare le limitazioni della shell di windows con TCC/LE

Se dovessi indicare la principale fonte di frustrazione nell’attivita’ quotidiana con Microsoft Windows, non esiterei a segnalare la “debolezza” del processore di comandi cmd.exe.

Qualsiasi shell unix, al confronto, appare un mostro di potenza.

Si pensi a cio’ che si puo’ ottenere, in termini di task quotidiani di amministrazione, con una shell linux rispetto ai batch files windows…

Ai tempi del mio amatissimo dos esisteva un validissimo sostituto per l’impresentabile command.com: era l’eccellente 4dos della jpsoft.

Ora quel prodotto non viene piu’ sviluppato. ma e’ possibile scaricare gratuitamente l’ultima versione esistente della jp software, oppure seguire la nuova linea di sviluppo indipendente scaricando l’ultima versione free.
Leggi tutto “Superare le limitazioni della shell di windows con TCC/LE”

Il Codice della privacy (Decreto Legislativo n.196/2003)

La materia e’ spinosa. Chi di noi non e’ stato contattato da qualche societa’ che ci ha terrorizzato prospettandoci sanzioni penali terrificanti e promettendoci di salvarci previa remunerazione?

Quanti ci hanno caldeggiato l’uso di un software capace, dopo averci fatto alcune domande, di produrre il salvifico Documento Programmatico sulla Sicurezza?

Leggi tutto “Il Codice della privacy (Decreto Legislativo n.196/2003)”

Il mito del guadagno online. Il caso ptr (pay to read)

E’ opinione diffusa (e in questo un ruolo e’ giocato da alcune riviste desiderose di fare titoli ad effetto) che su Internet sia possibile guadagnare qualche soldo.
In che modo? Le opportunita’ di cui si parla sono svariate.
Scopo di questa pagina e’ cercare di mostrare perche’, secondo chi scrive, tali “opportunita'” siano perlopiu’ pie illusioni.

Il tema e’ vasto. Ci sono le barre paganti, gli autosurf, i programmi di affiliazione, le societa’ pay per click

Leggi tutto “Il mito del guadagno online. Il caso ptr (pay to read)”

Filtrare i css con i commenti condizionali

In un mondo perfetto tutti i browser esibirebbero un comportamento omogeneo nell’interpretare le regole css.

Questo, pero’, non e’ un mondo perfetto ed e’ spesso necessario fare ricorso ad hack (filtri, trucchi) per differenziare le istruzioni a seconda del browser
utilizzato.

Nel corso degli anni, numerosi hack sono stati sviluppati per ovviare ai bachi dei browser (Internet Explorer in primis).

Il metodo piu’ sicuro per intervenire e’ tuttavia offerto dalla tecnica dei
commenti condizionali. Essi sono commenti xhtml scritti con una
particolare sintassi, riconosciuta solamente da Internet Explorer per Windows.

Vediamone l’utilizzo pratico:

Leggi tutto “Filtrare i css con i commenti condizionali”

Ordet

Il ragnetto morto che i bimbi hanno scovato ieri mattina, indagando con la lente d’ingrandimento tra le piente del terrazzino, e’ finito su di un foglio bianco. Alice lo ha identificato sul libro di scienze, almeno cosi’ crede, e lo ha descritto con toni affettuosi. Il foglio e’ stato lasciato in bella vista accanto al letto.
Il ragno e’ stato gettato via, stanotte.
Questa mattina i bimbi non lo hanno trovato. Ci hanno pensato un po’ su e poi hanno concluso che non fosse morto: era solo svenuto, o stanco. Ora e’ ritornato tra le piante, e speriamo che torni a trovarci.
Solo dei bambini e’ il regno dei cieli.