Strumenti per lavorare da riga di comando in Windows

Lo spunto dal quale nasce questo post è in realtà una domanda: ha ancora un senso, una qualche utilità, scegliere di lavorare in Windows in modalità riga di comando, per l’utente “normale” (o quasi), oggi?

Me lo chiedevo mentre digitavo un testo dentro a VI, come mi capita spesso da oltre 30 anni a questa parte.
VI: un pezzo significativo della storia dell’informatica. Qualcuno direbbe, di archeologia.
Mi chiedo se, al di là dell’effetto nostalgia, sia uno strumento ancora capace di ispirare. Talvolta, mi capita di cercare un’idea, uno spunto, davanti allo schermo nero di VI. Io chiamo quei momenti speciali “vi meditations“…
Un editor grafico è qualcosa che spinge ad agire sul testo in maniera automatica, impulsiva. Clicco e trascino.
In VI il testo viene sì inserito con la flessibilità che e’ propria dei programmi di videoscrittura, ma ogni modifica richiede un’attenzione specifica all’operazione stessa.
Per modificare l’ordine di un blocco di testo io devo “vedere” il blocco, fissarne l’estensione e la posizione, agire su di esso con dei comandi espliciti, non con gesti. E questo porta a “vedere 2 volte” il testo, ad agire con consapevolezza e meno d’impulso.
VI porta con sè il rigore del vedere con attenzione un testo.

La riga di comando in Windows.

Ho deciso di dedicare un post agli strumenti più adatti, a mio sindacabilissimo avviso, per passare un po’ di tempo proficuo a contatto con la riga di comando in Windows. Chi usa Linux ha già tutto quanto pronto, basta solo aprire la console del terminale e smanettare. Per chi è solito invece armeggiare dentro Windows c’è qualche cosa da sistemare.
Proporrò solo strumenti gratuiti e molto comuni, perchè è giusto che sia così. Sperimentare è un diritto (e un piacere).

Gli strumenti di cui parlerò: una lista

Una Console più gradevole e funzionale: Console2

Per divertirci insieme, avremo bisogno di alcune cose.
In primo luogo, mi sembra piacevole sostituire la schermata della modalità comandi di Windows con una console un po’ più gradevole. A questo scopo userò Console2. Il nome non è dei migliori, ma il software è molto ben fatto.
Come suggerisce il nome, si tratta di un terminale con delle possibilità di personalizzazione: colori, font, dimensioni finestra, più istanze in tab, possibilità di settare la shell predefinita, possibilità che andremo subito a sfruttare…

Andiamo dunque a scaricare Console2 e lo installiamo.

Console2
Console2 in azione…

Una console ancora più amichevole e funzionale…ConEmu

Dopo anni di onorato servizio con Console2, ho scoperto recentemente un emulatore di terminale ancora migliore. Si chiama ConEmu e lo potete scaricare all’indirizzo https://conemu.github.io/

ConEmu è un vero piacere da usare: integra il file manager Far (vedi sotto) alla perfezione, consente di suddividere l’ambiente in più finestre, ha un miliardo di personalizzazioni e può usare la shell che preferite, anche TCC di cui parlo poco sotto…

ConEmu
Console split: a sinistra una shell, a destra Vi…

Una shell alternativa a cmd.exe: TCC /LE

Andremo poi a usare una shell alternativa (e migliore) rispetto al cmd.exe di Windows. La cosa non è fondamentale, però…perchè no?
Avremmo anche potuto utilizzare la PowerShell di Windows, anch’essa gratuita, però preferisco un’alternativa più “tradizionale” ai classici batch files. Fin dai tempi del DOS ho sempre trovato magnifico 4DOS, la migliore shell DOS di sempre, senza discussioni. Per Windows si chiama Take Command ed ha una versione eccellente a pagamento, che consiglio. Ha centinaia di variabili e funzioni, e comandi per lavorare su reti locali e via internet. Esiste però anche una versione “light” gratis. Non ha tutta la potenza della sorella maggiore, ma è comunque molto meglio del cmd.exe.
Si chiama TCC/LE e la si può scaricare da qua:
https://jpsoft.com/products/tcc-le.html

Lanciamo Console2, andiamo in “Edit”, poi “Settings” e settiamo la shell su tcc.exe:

shell tccle in console2
settiamo la shell tcc/le in console2

Avremo quindi a disposizione una console moderna e una buona shell per sprigionare tutta la potenza della riga di comando sotto Windows!



Un po’ di classiche utilità unix – coreutils

Per dare a Windows molte possibilità stuzzicanti in più sarebbe bello avere a disposizione i tool testuali presenti in tutti i dialetti Unix.

Detto fatto, scarichiamo la versione windows delle coreutils:
http://gnuwin32.sourceforge.net/packages/coreutils.htm

Avremo quindi a disposizione strumenti come fmt,wc e tanti altri

Una digressione…modificare il path sotto Windows

Solo come appunto, il metodo più rapido per modificare il path sotto Windows e quindi rendere accessibili da riga di comando le directory desiderate in qualsiasi punto del file system ci si trovi è quello di aprire la finestra delle “propietà del sistema”:

Apro la voce “Sistema”

Poi scelgo le “Impostazioni di sistema avanzate“:

 

e per finire scelgo di modificare le “Variabili d’ambiente”, dove ovviamente troverò il mio path…

settare le variabili d'ambiente in windows 10

 

Un file manager a due pannelli per Windows: Far Commander

Se in Dos non potevo vivere senza il Norton Commander (e poi il Volkov Commander) e se negli Unix il primo programma che installo è sempre Midnight Commander, come fare sotto Windows?

Semplice, usiamo Far Commander, a mio avviso il miglior file manager a due pannelli per terminale sotto Win.

Lo troviamo qua:
https://www.farmanager.com/

Lavora con i nomi di files lunghi, consente di fare ftp, ed è espandibile con un sacco di utili plugin, che trovate qua:
https://plugring.farmanager.com

Dategli un’occhiata…ricorda nulla?

Se avete amato Norton Commander e in Linux usate Midnght Commander… Far Manager è il vostro programma per Windows

E ora…VI! (anzi, vim…)

Ora siamo pronti: è giunto il momento di installare sua maestà VI. Di tutti i possibili cloni, scelgo uno dei più diffusi, vim. Io preferisco usare una versione portabile, ma la scelta è solo questione di gusti. La pagina da cui partire è questa:
https://vim.sourceforge.io/download.php#pc

una raccomandazione: usate la versione dalla serie 8 in poi, perchè sulla 7 ho riscontrato qualche problema in fase di attivazione dell’evidenziazione della sintassi.

Siamo pronti a usare vi…ma questa è storia per un prossimo post…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *