Link simbolici in Windows XP

Link simboliciSpesso si sente la necessità, anche sotto il vecchio Win Xp, di alcuni degli aspetti che fanno di Linux (e degli Unix in particolare) sistemi tanto potenti e flessibili. Uno di questi aspetti è costituito dai link simbolici. La comodità è quella di poter “associare” una directory annidata magari in profondità nel filesystem a una directory simbolica posta in un punto più facilmente accessibile (o memorizzabile).

I comandi di sistema di Win Xp con ci aiutano, ma se il filesystem usato è NTFS Microsoft mette gratuitamente a disposizione per il download l’utilità junction, che svolge egregiamente il lavoro richiesto.

L’indirizzo per il download è questo:

http://technet.microsoft.com/it-it/sysinternals/bb896768.aspx

l’uso del comando è intuitivo. Supponiamo di voler associare la directory c:\pippo\pluto\paperino a c:\disney :

junction c:\disney c:\pippo\pluto\paperino

usando lo switch -s si associano anche le sottocartelle. Usando -d si elimina la junction.

Rimuovere la protezione in scrittura a una penna USB

Link simboliciNon ho mai avuto un buon rapporto con le penne USB, e in realtà le uso sempre meno. Tuttavia, talvolta, capita di utilizzarle ancora. E spesso ci si imbatte in un fastidioso problema. Cerchiamo di salvare qualcosa sulla penna, ma il sistema ci restituisce un messaggio d’errore nel quale si sostiene che il dispositivo è “protetto da scrittura“. In alcuni casi questo è vero: ci sono pennette con piccoli interruttori, che attivano tale protezione, ma quasi sempre non è così. A quel punto inizia la spirale di tentativi di formattazioni, utilizzo di programmi vari, ecc.

Io ho quasi sempre risolto così. Da una finestra terminale (il prompt dei comandi), lancio:

regedit

Leggi tutto “Rimuovere la protezione in scrittura a una penna USB”

virtual host con xampp e windows in 5 minuti

La configurazione necessaria per settare virtual hosts con xampp sotto windows è veramente minima: basteranno 5 minuti perchè tutto “giri” alla perfezione. Non mi dilungo sugli aspetti generali e riporto solo i passi necessari per ottenere al volo il risultato. Ad esempio, voglio configurare il virtual host pippo.com, che deve puntare alla cartella c:\xampp\htdocs\pippo.com. Presumo che xampp sia installato nella directory c:\xampp :

1) Devo configurare Windows perchè riconosca l’host. Edito, come amministratore (ad es. in Vista) il file c:\windows\system32\drivers\etc\hosts

Leggi tutto “virtual host con xampp e windows in 5 minuti”

pianificare lo spegnimento del pc in windows

Non ho mai capito perchè fioriscano in rete i programmi per spegnere ad una data ora/giorno il proprio pc, quando tale funzionalità è ottenibile in pochi secondi con gli strumenti che già windows mette a disposizione.
Il procedimento è semplicissimo: creo un file batch contenente il comando shutdown e poi lo programmo con l’utilità “Operazioni Pianificate”.

Allora, ecco i due semplici passaggi.

1) Apro un editor di testo e creo il file spegnipc.bat. Il contenuto è la sola istruzione

shutdown -s -f

cioè spegni il pc subito interrompendo i programmi eventualmente in esecuzione.

Leggi tutto “pianificare lo spegnimento del pc in windows”

VirtuaWin: un virtual desktop manager opensource per Win

Non e’ sempre agevole sopperire ad alcune debolezze dell’ambiente windows. Uno degli esempi piu’ eclatanti e’ costituito dalla mancanza di un virtual desktop manager, elemento sempre presente (e utilizzatissimo) nelle distribuzioni linux.
Un virtual desktop manager consente infatti di organizzare le applicazioni in differenti spazi di lavoro (i cosiddetti workspaces).

Esempio pratico: in questo istante ho firefox aperto sul desktop1, l’editor html sul desktop2, openoffice sul tre, la posta elettronica sul4. Una semplice combinazione di tasti e posso passare in un baleno da un workspace a un altro. Molto, molto piu’ efficiente della semplice taskbar di windows, almeno per chi usa diversi programmi.

Mi sono sempre chiesto perche’ mai la Microsoft non abbia previsto un applicativo di questo tipo nei propri sistemi opertivi. Non ho una risposta valida, ma so che fare a meno di questa funzionalita’, una volta che la si e’ utilizzata in ambiente unix/linux, e’ veramente difficile.

Per fortuna, tra i vari progetti nati al fine di sopperire a tale mancanza, ce n’e’ uno oramai maturo e perdipiu’ opensource: si chiama VirtuaWin.

Leggi tutto “VirtuaWin: un virtual desktop manager opensource per Win”